sabato 17 dicembre 2011

La via di Bookaholic


Buona serata compulsiva a tutti! E' una Bookaholic diversa a parlarvi oggi, una lettrice compulsiva che è sfuggita per il rotto della cuffia a un gruppo di zulu minorenni in pigiama dopo esser finita in quel di Parigi a mangiar baguette (non catalitica, mi raccomando!), patatine fritte e poco altro.

Avevo con me un fidato libro a tenermi compagnia mentre, nel pullman, gli zulu intonavano note rivelatrici di un sopraffino gusto musicale. Qual è stato questo libro? Presto detto: La via dei Re, di Brandon Sanderson (Fanucci). Si è trattato del mio primo incontro con Sanderson: non ho letto la trilogia di Mistborn nè il suo lavoro su La ruota del tempo (mai letto neppure Jordan ahimé!). Si è trattato di un incontro esaltante. Quando ho cominciato a leggere questo giovane ippopotamo di più di mille pagine, la storia scivolava senza però prendermi fino in fondo. Eppure, man mano che procedevo non ho sentito neppure una volta l'impulso di mollare perché mi stavo annoiando e leggere altro. E' uno dei pochi romanzi che ho letto ultimamente di cui posso affermare "L'ho letto con genuino piacere". Non mi svelerò nulla della trama, perché La via dei Re è un libro da leggere a scatola chiusa, senza aspettative o preconcetti, proprio come feci con il Signore degli Anelli anni fa, acquistandolo solo per la sua mole senza mai averne sentito parlare e senza neppure sapere di che genere letterario fosse.

Spero di poter leggere presto il secondo volume della serie The Stormlight Archive, enel frattempo credo leggerò il primo romanzo di Mistborn, giusto per ingannare l'attesa.

Non ho molto altro da dire per quel che mi riguarda... e voi? Avete scelto il vostro libro per Natale? Per me scegliere cosa leggere a Natale è sempre importantissimo. Ci vuole il libro adatto, e trovo cheil fantasy classico sia natalizio per eccellenza. C'è un libro che avete in mente di regalare per Natale o vi piacerebbe ricevere?

Prima di salutarvi, vi auguro preventivamente buon Natale e mi scuso per le assenze sempre più lunghe. Forse, sotto sotto, sono una zulu ritardataria anche io.

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Io ho ripreso a leggere ISdA :(
Cosa vuol dire?

Coram

Bookaholic ha detto...

Di sicuro è un'ottima cosa XD

Anonimo ha detto...

Il fantasy classico per Natale? Ovviamente Dickens e il suo meraviglioso Canto di Natale!
Per ora sto leggendo Gaiman, Il figlio del cimitero e devo dire che mi piace parecchio.
Se fai un salto sul mio blog vedi che ho anche pianificato alcune letture per il prossimo anno... mannaggia a quando sono entrata nel gruppo Sfide di Anobii.
Poi per questioni redazionali penso che riprenderò in mano Jasper Fforde.

MagicamenteMe

Bookaholic ha detto...

Vengo proprio dal tuo blog Magic ;)
Il figlio del cimitero forse è quello che mi è piaciuto di più di Gaiman, mi sono quasi commossa leggendolo!

:D

Vele Ivy ha detto...

Quest'anno mi sono divertita a regalare per Natale dei libri a bambini, figli di amici. Per un maschietto di 6 anni, un libro sugli alieni con dei bellissimi pop-up che uscivano fuori dalle pagine. Per una bimba, invece, un libro a forma di castello delle principesse, con un libretto dentro ad ogni piano. Non vedo l'ora di consegnarglielo!

Bookaholic ha detto...

Brava Vele Ivy, piaceranno e stimoleranno la fantasia! ;)

Incantatore ha detto...

Mi sa proprio che il mio libro di Natale sarà... "La Via dei Re" di Brandon Sanderson.
- Bookaholic docet -

EligR@pHix ha detto...

Difficilmente ricevo in regalo dei libri per Natale, che tristezza ... e sì che leggere uno dei massimi piaceri della mia vita.

Bookaholic ha detto...

@Inky: buona lettura e lieta di esserti stata d'aiuto ;)

@Eli: ma come, bisogna educare amici e familiari ;) se non libri direttamente almeno un buono da spendere in libreria!