lunedì 16 marzo 2015

Insurgent

Buonasera compulsiva a tutti,
è una Bookaholic più saggia di un anno a scrivervi, ma che ha trovato il tempo di partecipare alla proiezione stampa di Insurgent, secondo film del franchise ispirato alla serie YA di Veronica Roth Divergent, pubblicata in Italia da DeAgostini. Presumendo la mia opinione vi interessi io ve la scrivo più sotto.

Insurgent

La trama

The Divergent Series: Insurgent segue Tris e la sua ricerca di alleati e risposte tra le rovine di una futuristica Chicago. Tris (Shailene Woodley) e Quattro (Theo James) sono in fuga, inseguiti da Jeanine (Kate Winslet), la leader degli Eruditi, una fazione elitaria assetata di potere. In corsa contro il tempo, devono scoprire il motivo per cui la famiglia di Tris ha sacrificato la propria vita e perché i vertici degli Eruditi fanno di tutto per fermarli. Braccata dalle scelte compiute nel passato ma decisa a proteggere chi ama, Tris, con Quattro al suo fianco, affronta sfide impossibili fino a scoprire la verità sul passato e le conseguenze che avrà sul futuro del loro mondo.

Il trailer


La mia opinione sul film

Non sono una fan della Roth. Lo scorso anno, visto Divergent, ho letto il libro, che non mi ha detto nulla e non mi ha invogliata a proseguire. L'ho trovato nel complesso scialbo e banalotto. Non so se il mio giudizio sia stato in qualche modo influenzato dalla trasposizione cinematografica, ma il film Divergent mi era piaciuto, e lo stesso posso dire di Insurgent. Certo, Shailene Woodley non sarà un'attrice Premio Oscar, ma qui mi pare decisamente all'altezza della performance di Jennifer Lawrence. Theo James l'ho sempre trovato particolarmente inespressivo. Bene Kate Winslet ma di sicuro non la miglior Kate Winslet. Il ritmo del film funziona, e la sceneggiatura riesce a rendere con chiarezza le tribolazioni dei personaggi, Tris in particolare. Ho apprezzato le tematiche relative al senso di colpa, all'auto accettazione e al perdono. Eppure se dovessi indicare un solo punto come IL punto forte del film direi che "ritmo" è la parola chiave: il ritmo c'è e il film funziona per quello. Mi ha intrattenuta e mi ha messo voglia di sapere come sarebbe andata a finire la storia. Sulla trama non vi rivelo nulla: lascio a voi il compito di scoprire la verità sulle trame degli Eruditi e sul mondo fuori dal mondo. Da questo giovedì al cinema.

Primo di augurarvi i consueti saluti compulsivi, vi dico un segreto: quando ho fatto il test per scoprire la mia fazione è uscito il risultato che sapevo sarebbe stato il mio. Sono un'Erudita.

Saluti compulsivi a tutti,
B. 

3 commenti:

amneris ha detto...

e il test dove si fa?

amneris ha detto...

e il test dove si fa?

Pia Ferrara ha detto...

Sulla fan page ufficiale del film/libro!