domenica 14 aprile 2013

Di disastri nel vero senso del termine e super eroi che si accompagnano a intelligenze artificiali

Mesi fa, scrivendo di Cinquanta sfumature di grigio, esordivo confessando di non riuscire a resistere - maledetta curiosità! - dinanzi alle parole "caso editoriale". Ora posso dire di esserci ricascata con tutte le scarpe e di aver beccato un altro libro super trash: Uno splendido disastro.

Il romanzo, scritto da una certa Jamie McGuire (che inizialmente avevo scambiato per un uomo) e pubblicato in Italia da Garzanti, mi ha tenuto compagnia nel corso di un viaggio in pullman. Premetto due cose, non l'ho finito e questa non è una recensione. Non recensisco libri su questo blog, mi limito a parlarne a ruota libera. Quando recensisco un libro lo faccio su altri lidi, e lo leggo sempre fino all'ultima riga (ringraziamenti compresi). Fino al punto in cui ho letto Uno splendido disastro l'ho trovato banale e noioso (ecco perché non penso di leggere il seguito). Potrei aggiungere incoerente e pieno di incongruenze.

Ecco i punti più eclatanti:
- Lui esce di sera guidando la moto e mette gli occhiali da sole (emerita cretineria o emerita incongruenza? Ai posteri l'ardua sentenza);
- Lei esce con un altro ragazzo e si sente in colpa mentre Lui la sera prima ha portato due ragazze a casa (facendosele entrambe sul divano);
- è soltanto accennata, ma anche qui c'è la solita originalissima scena vista anche in Twilight e in Cinquanta sfumature di Loro Due al ristorante con la cameriera adorante che se lo guarda, sbavando, ma Lui non se la fila perché è con Lei;
- la solita scena in cui Lui la salva da un tentativo di stupro;

Aggiungiamoci: Lei è scialba e incoerente, Lui il solito complessato dall'animo tormentato (ma fattela na risata), la coppia di comprimari che... Boh sono talmente privi di caratterizzazione che nemmeno saprei come definirli. Insomma: mi perdonerà Magicamente se le ho proposto questa trashata.

Per riprendermi ho dovuto reimmergermi nella lettura, interrotta qualche settimana fa per questioni tecniche, dei numeri di Pikappa. Per chi non lo ricordasse, Pikappa è una serie ambientata in un universo Disney che non è quello classico. Il personaggio di Paperinik, super eroe di cui Paperino è identità segreta all'insaputa di tutti, viene rielaborato senza essere stravolto. Non vediamo mai Paperina, Qui, Quo e Qua e Archimede. Sporadica la presenza di zio Paperone. Il personaggio che si accompagna Paperino-Pikappa è l'intelligenza artificiale Uno, che affianca il nostro super eroe nella lotta contro gli Evroniani, alieni decisi a conquistare la Terra e a rubare le emozioni ai terrestri, sottoponendoli a un processo chiamato coolflamizzazione. Sono sicura che avete già capito che adoro Uno. A parte questo è sempre un piacere leggere Pikappa. Mi piacciono in particolare le storie con Xadhoom e con il Razziatore. E adoro Angus Fangus, vorrei rubargli il lavoro (da giornalista), maledetto kiwi!

Pikappa tuttavia non basta a saziare la mia sete di libri (sempre per non meglio specificati motivi tecnici tra un po' dovrò fare un'altra pausa forzata). Nel frattempo ho iniziato Cacciatori delle tenebre di Barbara Hambley su consiglio di Inky ma mi sono arenata e non so ancora se lo riprenderò. Vorrei leggere C'è un cadavere in giardino, l'ultimo della Charlaine Harris di Aurora Teagarden (Delos Books), una serie adorata da mia nonna (ebbene sì, la sto comprando cartacea apposta per lei).

Voi a che letture vi state dedicando/dedicherete? Anche se alcune letture potrei già conoscerle o comunque immaginarle, se vi va fatemelo sapere e come sempre saluti compulsivi a tutti!

B.

6 commenti:

Incantatore ha detto...

Come... ti sei arenata su un libro di vampiri VERI ???

Bookaholic ha detto...

L'ho ripreso proprio ieri sera dopo aver scritto il post! Pensa che l'e-reader me l'aveva occultato (non so come abbia fatto)!

MagicamenteMe ha detto...

certo però che presentato così Uno splendido disastro non è che attiri molto... ma posso io esimermi dal leggere una trashata? Maledetto ebook ;)

Io invece mi tengo ben alla larga dai Casi Editoriali ;)

Bookaholic ha detto...

@Magic: se cerchi in rete troverai recensioni di tenore completamente diverso, non farti influenzare da me, leggi almeno l'inizio... Poi la scena degli occhiali da sole è a pg. 19, arriva almeno lì ^__^

MagicamenteMe ha detto...

Ciao, sono MagicamenteMe e ho finito di leggere in una giornata Uno splendido disastro.
Quando ero arrivata quasi alla fine mi è preso il sospetto che lui potesse morire e sono saltata all'ultima pagina per controllare.
Se fosse morto dopo tutti i patimenti penso avrei tirato il lettore ebook contro il muro... non perché fossi innamorata perdutamente del personaggio ma per la frustrazione di essermi fatta prendere da questa storia che alla fine per quanto stupida e insulsa è coinvolgente.

MagicamenteMe ha detto...

Ma come? non aggiorni il blog con le letture recenti della Ward? ;)