giovedì 30 ottobre 2014

Le letture abbandonate

Buon pomeriggio compulsivo a tutti,
è una Bookaholic che chiede venia a scrivervi: questo blog di confessions sta diventando affollato, i post troppo frequenti perché ci si possa meditare a dovere. Ma, ahimè, necessito di una seduta straordinaria e mi consola sapere che molti di voi non leggeranno questo post perché saranno al Lucca Comics & Games 2014 (da cui quest'anno, dopo cinque consecutivi di onorato servizio, ho deciso di prendermi una pausa). 

C'è una questione che mi assilla: i libri abbandonati. Proprio oggi pomeriggio ho deciso di mollare due letture che avevo da poco intrapreso: il secondo (di sette) volume di The Gunslinger, primo numero della serie di graphic novel dedicata a La torre nera di Stephen King e Cercando Alaska di John Green. Ho abbandonato queste due letture per motivi differenti. 
The Gunslinger: ecco, devo dirlo, l'ho trovato poco chiaro. Mi sembra abbastanza incomprensibile. Cercando Alaska: che noia. Sinceramente Green mi sembra un autore "paraculo", di quelli che "devo scrivere il nuovo libro che influenzerà milioni di adolescenti e lo farò così e cosà mettendoci dentro questo e quello". Mi sembra un libro molto confezionato e poco genuino. 

Voi mollate i libri? Se sì, perché? Vi sentite in colpa? Vi è capitato di riprenderli e finirli a distanza? O li continuate imperterriti? A che punto li abbandonate? Ci sono libri "celebri" che avete mollato?

Personalmente ho sempre cercato di finire i libri comprati in formato cartaceo. Mi faccio meno problemi se si tratta di libri in prestito, presi in biblioteca, ebook o romanzi ricevuti in omaggio stampa (se non precedentemente richiesti). Ho sempre cercato di decidere se finirli o no entro metà: superata la metà (= punto di non ritorno) cerco di finire la lettura. 
Di solito mi sento in colpa se non finisco un libro perché spero sempre che un libro possa colpirmi a un certo punto e mi sembra di toglierli questa opportunità. Però se decido di mollarlo significa che perdo le speranze e credo non valga la pena fare lo sforzo di arrivare fino in fondo. Mi è capitato di riprendere dei libri abbandonati, ma non mi è mai capitato di rivedere il mio giudizio. Se il libro non mi acchiappa non è il periodo sbagliato, ma il libro sbagliato. Di solito li mollo perché non mi piace nulla del libro: né l'ambientazione, né i personaggi, le relazioni tra di essi e gli story arc.  
In quanto ai libri celebri mollati... proprio celebri no, però per esempio ho difficoltà a digerire King o la Zimmer Bradley. 

Ho detto la mia, ora voglio sapere la vostra.
Saluti compulsivi a tutti,
B. 

7 commenti:

Chiarella ha detto...

Abbandono senza ripensamenti.
L'unico che ho provato a riprendere, viste le lodi all over the world, è stato L'ombra dello scorpione.
Ma, ahimè, l'ho mollato di nuovo.
King non lo sopporto proprio.

In generale se un libro non mi prende, provo ad andare avanti un po'.
Poi se proprio non vedo miglioramenti, leggo la fine.
Se la fine mi piace, ci riprovo. Altrimenti CIAO.

Katiu R. ha detto...

Al 99% porto comunque a termine la lettura, anche se in linea generale il libro non mi piace o non mi prende. E' che sono curiosa di sapere come va a finire o di come l'autore voglia andare a parare certe situazioni, e quindi leggo: magari leggo velocemente e salto qualche parola ;) ma in linea di massima arrivo all'ultima pagina.

L'unico libro che proprio non ce l'ho fatta ad andare avanti è stato il primo volume della saga dei Nani di Markus Heitz: mi è stato regalato, quindi mi son detta leggiamolo! Ed invece non riesco ad andare oltre il 1 capitolo. E credimi, ci ho provato almeno 2/3 volte .. non so se è colpa della storia, dello stile o, peggio ancora, della traduzione.

Pia Ferrara ha detto...

@Chiara: finalmente un'altra che non si trova con King, pensavo di essere l'unica!

@Katiu: in effetti ho già sentito parlare non bene di Heitz...

Incantatore ha detto...

Abbandono molti libri. Se il libro non mi piace lo abbandono del tutto. Se mi piace e non ho tempo lo riprendo poi. Ad esempio sono a metà della Storia Infinita da un anno e penso che lo riprenderò. Così come l'ultimo Cecilia Randall e persino l'ultimo Kane Chronicle. Tra i libri che non penso di riprendere anch'io la Torre Nera, la serie di Taran e la pentola magica e tanti altri.
In ogni caso ho più rimpianti a leggere un libro che non vale la pena che ad abbandonarlo.

Pia Ferrara ha detto...

@Incantatore: giusto meglio abbandonare che avere rimpianti e finirselo tutto a forza!

Mi spiace per l'ultimo delle Kane :(
non ti è piaciuto?

MagicamenteMe ha detto...

Si, li mollo anche se un po' mi dispiace.
Ultimamente ho mollato una specie di saggio su Jack lo Squartatore di Kay Scarpetta (orrrrrrrrribile).
Tra gli abbandoni famosi Delitto e castigo. Ho anche riprovato una seconda volta ma niente, mollo sempre allo stesso punto.
Mi sono arresa.

MagicamenteMe ha detto...

Ah anche io ho mollato la Torre Nera ma comunque qualche King l'ho leggiucchiato