mercoledì 17 settembre 2014

Le riletture al fangirling

Buona serata compulsiva a tutti,
è una Bookaholic alle stelle a scrivervi, contenta come nemmeno con un buono spesa da Feltrinelli. La ragione è presto detta: Confessions of a Bookaholic ha un nuovo header, creato appositamente per il blog da Marco. Che ve ne pare? Io personalmente lo adoro, lo adoro e lo adoro! C'è tutto: il disagio del lettore compulsivo, l'alienazione e Harry Potter. E se c'è Harry Potter c'è tutto.

Ma torniamo a parlare dei nostri cari libri. Finita la #SummertimeSadness è giunta l'ora della #AutumnAnxiety ovvero: e se muore qualcuno nel nuovo libro? E se quella ship non diventa canon? E se il nuovo volume è meno bello del precedente? Sono questi i timori di una lettrice compulsiva in dolce attesa di tre romanzi che portano avanti se non addirittura a conclusione le saghe che più mi hanno tenuto compagnia questo anno. Ottobre sarà un mese impegnativo: attendo per il 7 Blood of Olympus, ultimo della serie Gli eroi dell'Olimpo di Rick Riordan, Lily Blue Blue Lily di Maggie Stiefvater, terzo romanzo del The Raven Cycle, per il 21, e Angelize II di Aislinn di cui ancora non abbiamo una data ufficiale (probabilmente scriverò qualcosa su Fantasy Magazine, quindi stay tuned). Con queste uscite imminenti ho pensato fosse il caso di re-immergersi nelle atmosfere giuste dedicandomi alle riletture

Questa è la cover UK
La situazione con Riordan è questa: ho finito di rileggere The Last Olympian e poi ho riletto The Lost Hero (sviluppando una preoccupante fictional crush per Jason Grace che non mi aveva preso alla prima lettura) e The Son of Neptune, i primi due degli Eroi. Dovrei rileggere solo The Mark of Athena e The House of Hades a questo punto, no? E invece no: perché oggi pomeriggio sono passata davanti alla Feltrinelli International e lì, in bella mostra, c'era Percy Jackson and the Greek Gods, ovvero i miti greci raccontati da Percy, volume non legato alla storyline degli Eroi ma di approfondimento. Chiaramente non potevo lasciarlo tutto solo sullo scaffale e l'ho portato a casa (pagando eh, non mi si prenda per taccheggiatrice). L'ho anche iniziato sull'autobus, e mi è sembrato molto divertente. 

Della Stiefvater, dopo aver riletto ad agosto The Raven Boys, ho letto di recente Shiver, primo volume della saga dei lupi di Mercy Falls. Posso solo fare i complimenti alla Stiefvater perché è maturata molto come scrittrice: Shiver infatti mi è sembrato una vera schifezza. La cosa più eclatante è che la protagonista nasconde in camera sua un lupo mannaro per giorni senza che i genitori se ne accorgano. Seriously? Ok che si tratta di due genitori assenti, ma qui non si parla di assenteismo, si parla di traslazione in un altro universo. A questo punto mi resterebbe da rileggere solo The Dream Thieves, ma... lo ammetto, non so se ce la faccio. Ho l'impressione che tra le mille letture e riletture questa salterà. Intanto la Stiefvater ha condiviso con i lettori in famelica attesa il prologo e il primo capitolo di Lily Blue Blue Lily e ovviamente li ho divorati. Tra l'altro aggiungo che - come successo con Riordan - a una seconda lettura ho preso una fictional crush per un personaggio che alla prima lettura non mi aveva presa così tanto... Adam Parrish. Coincidenza? 

No alla cover sì al keep calm
A questo punto mi aspetto solo di rileggere Angelize di Aislinn e prendermi una fictional crush per Hesediel (perché dei tre angeli protagonisti era l'unico per cui non avevo una fictional crush per quanto mi piacesse come personaggio). Credo che la colpa sia anche di Aislinn perché sul suo blog ha "abbinato" a ogni personaggio un attore/cantante alle cui fattezze si è ispirata (ovviamente solo per quanto riguarda l'aspetto fisico, non per la costruzione caratteriale) per i suoi angeli. E beh insomma, non avevo bisogno di una crush anche per Jared Leto ma va bene così. 

Ci sarebbero delle cose che dovrei aggiungere su Robin Hobb, Jonathan Stroud, Sarah J. Maas e Joe Abercrombie ma... sarà per un altro post! Però prima di andare (a leggere) vi chiedo: quali sono i libri che più state aspettando? Ovviamente se rispondete "quelli di Martin" non vale!

Saluti compulsivi a tutti,
Pia



5 commenti:

Martina Frammartino ha detto...

Quelli di Martin :-)

Pia Ferrara ha detto...

Beh Martina da te non mi aspettavo altro ^_^ anche io aspetto Martin solo che cerco di farlo con filosofia perché so che è una lunga strada. Però mi fido.

Martina Frammartino ha detto...

In realtà ho risposto "quelli di Martin" solo perché tu hai chiesto di non rispondere così e la tentazione è stata troppo forte per resisterle. :-P
Ok, sto aspettando l'enciclopedia di Martin, sono curiosa, ma non è un libro fondamentale anche se probabilmente lo adorerò. Sono molto più impaziente di leggere il secondo libro delle Cronache della folgoluce di Brandon Sanderson, anche se dire che sono impaziente è sempre un'esagerazione. Posso essere impaziente di leggere quando possiedo già il libro, so che è mio e se mi piace davvero sono infastidita da qualsiasi cosa che mi impedisce di leggere, ma fino a quando il libro non è stato pubblicato non sono impaziente. Il libro non esiste, o forse non esiste solo nella lingua in cui lo voglio leggere io, perché dovrei rovinarmi il tempo pensando a quel che non posso legere invece di godermi quel che posso leggere?
Considerazioni filosofiche a parte sono in attesa di un nuovo libro di Jo Walton, sono curiosa riguardo a quello di Brian Staveley (se non ho sbagliato a scrivere il nome), penso di comprare un saggio sulla letteratura di Michael Chabon, Stroud incuriosisce pure me, ho già a casa ma devo ancora iniziare quello di Stella Gemmell, non cito neppure tutte le riletture in cui sono imbarcata, l'ottavo Wild Cards è già uscito e io lo devo ancora comprare, e sicuramente sto dimenticando un bel po' di altri libri. L'unica cosa di cui sono certa è che non resterò mai senza nulla da leggere.

Zucchero Nero ha detto...

molto interessante, il tuo blog!

Pia Ferrara ha detto...

@Martina: come sempre ogni libri che tu citi finisce nella mia wishlist. Sanderson non vedo l'ora di leggerlo anche io, ma non è ancora giunto il suo momento!

@Zucchero Nero: grazie :)